Aurelio Bertola de' Giorgis

Via Euterpe, n.16 - 47923 RIMINI - tel. 0541-770040 - fax 0541-770703  - P.IVA 91033170407
e-mail: rnmm02100x@istruzione.it  pec: rnmm02100x@pec.istruzione.it
Codice MIUR: RNMM02100X

 

HOME AREA DOCENTI AREA STUDENTI AREA GENITORI PERSONALE ATA CONTATTI          

 HOME > LA DIDATTICA > INTERCULTURA

CIRCOLARI

REGISTRO ELETTRONICO

RICEVIMENTO GENITORI

CALENDARIO SCOLASTICO

LIBRI DI TESTO

MODULISTICA ON-LINE

ISCRIZIONI ON-LINE

CIVICO VICINO VOLONTARIO

 LA SCUOLA
AURELIO BERTOLA
STORIA
DIRIGENZA
ORGANIGRAMMA
STAFF
CONSIGLIO D'ISTITUTO
COLLEGIO DOCENTI
REGOLAMENTI
SICUREZZA
 
LA DIDATTICA
DOCENTI
CLASSI
PIANI DI STUDIO
ORARIO LEZIONI
P.O.F.
PROGETTI
P.A.I.
DSA e BES
 
 
LE ATTIVITA'
CONTINUITA'
ORIENTAMENTO
EVENTI
IL BERTOLINO
CALENDARIO ALUNNI
T-SHIRT BERTOLA
ATTIVITA' ARTISTICHE
ATTIVITA' MUSICALI
ATTIVITA' SPORTIVE
COMPUTERXAMICO
 
LINK UTILI
M.I.U.R.
INDIRE
U.S.R. EMILIA ROMAGNA
U.S.T. RIMINI
NOI-PA
ISTANZE ON LINE
INVALSI
 
REGISTRO ON-LINE
REGISTRO 2015 - 2016
REGISTRO 2014 - 2015
REGISTRO 2013 - 2014
REGISTRO 2012 - 2013
 

 

INTERCULTURA

La presenza degli alunni di origine straniera, in progressivo aumento negli ultimi anni, è un dato strutturale del nostro sistema scolastico. La nostra scuola ha scelto, fin dall’inizio, la piena integrazione di tutti gli alunni stranieri nella scuola, e l’educazione interculturale come dimensione trasversale e come sfondo integratore che accomuna tutte le discipline e tutti gli insegnanti. La scelta di questo orizzonte culturale, insieme al ricco e variegato patrimonio di progetti organizzativi e didattici costruiti e verificati sul campo dalla scuola dell’autonomia, concorrono a definire una concreta via all’integrazione.

 


Il fenomeno dell’immigrazione nel nostro Paese ha acquisito negli ultimi anni una rilevanza sempre maggiore: la particolare posizione geografica nel Mediterraneo lo rende inoltre un importante punto di passaggio anche per persone provenienti dall’Africa, dall’Asia spesso dirette verso il Centro e Nord Europa; si può quindi affermare che accanto all’immigrazione stanziale ve ne sia un’altra di passaggio, temporanea. 


Il fenomeno dell’immigrazione nel nostro Paese ha acquisito negli ultimi anni una rilevanza sempre maggiore: la particolare posizione geografica nel Mediterraneo lo rende inoltre un importante punto di passaggio anche per persone provenienti dall’Africa, dall’Asia spesso dirette verso il Centro e Nord Europa; si può quindi affermare che accanto all’immigrazione stanziale ve ne sia un’altra di passaggio, temporanea.


Il fenomeno dell’immigrazione porta a interrogarsi rispetto al problema dell’integrazione dell’immigrato dentro la nostra società. Non basta infatti che l’immigrato trovi un lavoro per considerare risolti i suoi problemi: lasciare la propria patria per emigrare comporta difficoltà enormi, basti pensare all’apprendimento di una nuova lingua, al trovare casa e lavoro combattendo contro stereotipi e pregiudizi, al comprendere una cultura diversa da quella di appartenenza.


L’integrazione delle famiglie immigrate nel contesto sociale può avvenire in svariate modalità e grazie all’opera di diversi servizi pubblici: fra questi, la scuola riveste sicuramente un ruolo di prim’ordine per le famiglie immigrate con figli. Il bambino immigrato può diventare infatti il primo “mediatore culturale” della famiglia, specialmente nei primi anni di immigrazione;spesso impara la lingua meglio e più rapidamente rispetto ai genitori e l’interazione quotidiana con i coetanei è importantissima nel far apprendere al bambino la cultura indigena e a comunicarla ai genitori.


La scuola è per eccellenza il luogo della socializzazione dei bambini, ma richiede anche ai genitori un certo grado di partecipazione, anche solo per recarsi ai colloqui periodici con gli insegnanti, fino ad arrivare alla partecipazione nei consigli di classe o di istituto. Inoltre, l’apprendimento del bambino può, di riflesso, essere una sorta di apprendimento da parte di tutta la famiglia. Ecco quindi che "integrare positivamente i bambini può significare integrare positivamente la famiglia intera".


La scuola pertanto è un posto privilegiato per osservare le complesse dinamiche di una famiglia immigrata verso l’integrazione piena: gli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado ed in particolare della Scuola Secondaria di 1° Grado "A. Bertola", sono impegnati in prima linea tutti i giorni in questa battaglia e sono in grado di valutare le diverse situazioni familiari e di come queste influiscono sullo sviluppo del bambino.


Nella nostra scuola vengono programmate una serie di iniziative che promuovono l'integrazione sia all'interno del gruppo classe, sia nella scuola stessa. Queste attività sono spesso realizzate con la collaborazione di enti esterni attraverso  l'esecuzione di progetti avviati in collaborazione con la scuola stessa.



Scuola Secondaria di 1° Grado "Aurelio Bertola" Via Euterpe, 16 - 47923 Rimini tel. 0541-770040 - fax 0541-770703 e-mail RNMM02100X@istruzione.it - P.IVA 91033170407

Creazione e realizzazione Mario Menghi - S.M.S. Bertola - Rimini Copyright 2015

Ultimo aggiornamento 01/08/2015 ore 16,00