Aurelio Bertola de' Giorgis

Via Euterpe, n.16 - 47923 RIMINI - tel. 0541-770040 - fax 0541-770703  - P.IVA 91033170407
e-mail: rnmm02100x@istruzione.it  pec: rnmm02100x@pec.istruzione.it
Codice MIUR: RNMM02100X

 

HOME AREA DOCENTI AREA STUDENTI AREA GENITORI PERSONALE ATA CONTATTI          

 HOME > LA DIDATTICA > DSA E BES

CIRCOLARI

REGISTRO ELETTRONICO

RICEVIMENTO GENITORI

CALENDARIO SCOLASTICO

LIBRI DI TESTO

MODULISTICA ON-LINE

ISCRIZIONI ON-LINE

CIVICO VICINO VOLONTARIO

 LA SCUOLA
AURELIO BERTOLA
STORIA
DIRIGENZA
ORGANIGRAMMA
STAFF
CONSIGLIO D'ISTITUTO
COLLEGIO DOCENTI
REGOLAMENTI
SICUREZZA
 
LA DIDATTICA
DOCENTI
CLASSI
PIANI DI STUDIO
ORARIO LEZIONI
P.O.F.
PROGETTI
P.A.I.
DSA e BES
 
 
LE ATTIVITA'
CONTINUITA'
ORIENTAMENTO
EVENTI
IL BERTOLINO
CALENDARIO ALUNNI
T-SHIRT BERTOLA
ATTIVITA' ARTISTICHE
ATTIVITA' MUSICALI
ATTIVITA' SPORTIVE
COMPUTERXAMICO
 
LINK UTILI
M.I.U.R.
INDIRE
U.S.R. EMILIA ROMAGNA
U.S.T. RIMINI
NOI-PA
ISTANZE ON LINE
INVALSI
 
REGISTRO ON-LINE
REGISTRO 2015 - 2016
REGISTRO 2014 - 2015
REGISTRO 2013 - 2014
REGISTRO 2012 - 2013
 

 

DSA E BES

Negli ultimi anni, i continui cambiamenti legislativi riguardanti la scuola hanno portato a un proliferare di sigle fra cui può essere difficile districarsi. In particolare una difficoltà in cui spesso ci si imbatte sta nel distinguere fra DSA (disturbi specifici dell'apprendimento) e BES (bisogni educativi speciali).


Con la sigla DSA si intendono i Disturbi Specifici di Apprendimento, definiti anche con la sigla F81 nella Classificazione Internazionale ICD-10 dell'Organizzazione mondiale della sanità e compresi nel capitolo 315 del DSM-V americano. Fanno parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici. Si tratta di disturbi nell'apprendimento di alcune abilità specifiche che non permettono una completa autosufficienza nell'apprendimento poiché le difficoltà si sviluppano sulle attività che servono per la trasmissione della cultura, come, ad esempio, la lettura, la scrittura e/o il far di conto. I disturbi specifici di apprendimento si verificano in soggetti che hanno intelligenza almeno nella norma, con caratteristiche fisiche e mentali nella norma, e la capacità di imparare.

I disturbi specifici di apprendimento più soliti sono:

  • dislessia (F81.0/315.02)

  • disgrafia

  • disortografia

  • disturbo specifico della compitazione (F81.1/315.2)

  • discalculia (F81.2/315.1)


LA DISLESSIA

 

La  dislessia è la difficoltà a leggere in modo corretto e fluente.
 

Si riconoscono due tipi di dislessia:

  • la dislessia evolutiva: si manifesta nell’età scolare, in particolare nei primi anni, in cui si inizia l’apprendimento scolastico; le caratteristiche della dislessia possono variare in relazione ai cambiamenti legati alla crescita del bambino; è di natura genetica e congenita

  • la dislessia acquisita: si manifesta prevalentemente negli adulti; si manifesta a seguito di lesioni che provocano una difficoltà nella normale abilità di lettura o negli aspetti ad essa collegati.

Definizione della Orton Dyslexia Society, (1997):

La Dislessia Evolutiva è un disturbo specifico su base linguistica, di origine costituzionale, caratterizzato da difficoltà nella decodifica di parole singole, spesso inattese in rapporto alla età, alle abilità cognitive e scolastiche, non attribuibile a un disturbo generalizzato dello sviluppo o a una menomazione sensoriale. Essa si manifesta con gradi variabili di difficoltà in differenti forme di abilità linguistica.


Definizione della International Dyslexia Association, (2003)

La Dislessia Evolutiva è una disabilità specifica dell’apprendimento di origine neurobiologica. Essa è caratterizzata dalla difficoltà di effettuare una lettura accurata e/o fluente e da abilità scadenti nella scrittura e nella decodifica. Queste difficoltà tipicamente derivano da un deficit nella componente fonologica del linguaggio che è spesso inattesa in rapporto alle altre abilità cognitive e alla garanzia di un’adeguata istruzione scolastica.
Conseguenze secondarie possono includere i problemi di comprensione nella lettura e una ridotta pratica della lettura che può impedire la crescita del vocabolario e della conoscenza generale.

LA DISGRAFIA

 

La disgrafia è il disturbo correlato al linguaggio scritto, che riguarda le abilità esecutive della scrittura.


Definizione dal DSM-IV e dall’ICD-10:
“…la caratteristica fondamentale del Disturbo di Sviluppo della Coordinazione e’ una marcata compromissione dello sviluppo della coordinazione motoria(Criterio A). 
La diagnosi viene fatta solo se questa compromissione interferisce in modo significativo con l’apprendimento scolastico o con le attività della vita quotidiana (Criterio B). 
La diagnosi viene fatta se le difficoltà nella coordinazione non sono dovute ad una condizione medica generale (per es., paralisi cerebrale, emiplegia o distrofia muscolare) e se non risultano soddisfatti i criteri per un Disturbo Generalizzato dello Sviluppo (Criterio C). 
Se e’ presente Ritardo Mentale, le difficoltà motorie vanno al di là di quelle di solito associate con esso (Criterio D). 
Le manifestazioni di questo disturbo variano con l’età e con lo sviluppo. Per esempio, i bambini più piccoli possono presentare goffaggine e ritardo nel raggiungimento delle tappe fondamentali dello sviluppo motorio (per es., camminare, gattonare, stare seduti, allacciarsi le scarpe, abbottonarsi la camicia e chiudersi la cerniera lampo dei pantaloni). I bambini più grandi possono mostrare difficoltà nelle componenti motorie dell’assemblaggio di puzzles, nel modellismo, nel giocare a palla, nello scrivere in stampatello o nella calligrafia.

 

LA DISORTOGRAFIA

 

La disortografia è il disturbo della competenza ortografica, cioè la difficoltà nel trasformare il linguaggio parlato nel linguaggio scritto.

 

LA DISCALCULIA

 

E’ definito discalculia il disturbo nell’apprendimento del calcolo e del sistema dei numeri.

 

Definizione dal DSM-IV: “La caratteristica principale del Disturbo del Calcolo e’ una capacità di calcolo (misurata con test standardizzati somministrati individualmente sul calcolo o sul ragionamento matematico) che si situa sostanzialmente al di sotto di quanto previsto in base all’età cronologica del soggetto, alla valutazione psicometrica dell’intelligenza, e a un’istruzione adeguata all’età (Criterio A). 
Il Disturbo del Calcolo interferisce in modo significativo con l’apprendimento scolastico o con le attività della vita quotidiana che richiedono capacità di calcolo (Criterio B). 
Se e’ presente un deficit sensoriale, le difficoltà nelle capacità di calcolo vanno al di là di quelle di solito associate con esso (Criterio C): Se sono presenti una condizione neurologica o un’altra condizione medica generale oppure un deficit sensoriale, dovrebbero essere codificati sull’Asse III”. 
“Nel disturbo del Calcolo possono essere compromesse diverse capacità incluse le capacità “linguistiche” (per es., comprendere o nominare i termini, le operazioni, o i concetti matematici, e decodificare problemi scritti in simboli matematici), capacità “percettive” (per es., riconoscere o leggere simboli numerici o segni aritmetici e raggruppare oggetti in gruppi), capacità “attentive” (per es., copiare correttamente numeri o figure, ricordarsi di aggiungere il riporto e rispettare i segni operazionali) e capacità “matematiche” (per es., seguire sequenze di passaggi matematici, contare oggetti, e imparare tabelline)”. Definizione dall’ICD-10: Le difficoltà aritmetiche che possono verificarsi sono varie, ma tra esse sono incluse: un’incapacità a comprendere i concetti alla base di particolari operazioni aritmetiche; una mancanza di comprensione di termini o dei segni matematici; il mancato riconoscimento dei simboli numerici; la difficoltà di adattare le manipolazioni aritmetiche standard; la difficoltà nel comprendere quali numeri sono pertinenti al problema aritmetico che si sta considerando; la difficoltà ad allineare correttamente i numeri o ad inserire decimali o simboli durante i calcoli e la difettosa organizzazione spaziale dei calcoli aritmetici.

 

Le cause della dislessia

  • Deficit fonologico (difficoltà di elaborazione, programmazione e combinazione dei suoni);

  • Deficit nei processi di automatizzazione (i processi di letto-scrittura e calcolo non sono automatici);

  • Deficit nell’elaborazione visuo –percettiva (difficoltà nell’elaborazione visiva degli stimoli, dovuto ad un funzionamento anomalo delle cellule della corteccia visiva;

  • Disfunzionamento memoria a breve termine (difficoltà nel memorizzare le informazioni e nell’organizzare più informazioni tra loro);

  • Deficit del controllo motorio (difficoltà  che si manifestano nelle abilità grosso-motorie


Scuola Secondaria di 1° Grado "Aurelio Bertola" Via Euterpe, 16 - 47923 Rimini tel. 0541-770040 - fax 0541-770703 e-mail RNMM02100X@istruzione.it - P.IVA 91033170407

Creazione e realizzazione Mario Menghi - S.M.S. Bertola - Rimini Copyright 2015

Ultimo aggiornameno 12/09/2015 ore 18,00